Tel: 0332 284590 • E-mail: info@studioturconi.com 

Consulenza Aziendale e del Lavoro

Legge di Bilancio 2018 - Agevolazioni fiscali

Circolare n. 01 del 25/01/2018 - Illustriamo le principali novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018 in tema di oneri detraibili, detrazioni per il risparmio energetico, ristrutturazione edilizia, bonus mobili e il c.d. "bonus verde".

AGEVOLAZIONI FISCALI SU ABBONAMENTI AL TRASPORTO PUBBLICO (art. 1, comma 28)

Viene prevista la possibilità di detrarre dall’imposta lorda sui redditi delle persone fisiche - Irpef- il 19% delle spese sostenute per l'acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, per un importo non superiore a 250 euro in ciascun periodo di imposta. Ai fini della verifica di tale importo devono essere ricomprese anche le spese sostenute dal contribuente nell’interesse dei familiari a proprio carico.

REGIME FISCALE DEI PREMI PER POLIZZE ASSICURATIVE SULLE CALAMITA’ NATURALI (art. 1, commi 768-770)

La Legge di bilancio prevede la possibilità di includere tra le spese detraibili al 19% dall’Irpef i premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi, stipulate relativamente a unità immobiliari ad uso abitativo.

Le stesse assicurazioni contro i danni derivanti da eventi calamitosi di qualunque specie sono esentate dalle imposte sulle assicurazioni.

Entrambe le disposizioni si applicano esclusivamente per le polizze stipulate a decorrere dal 1° gennaio 2018.

PROROGA DELLA DETRAZIONE FISCALE PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI (art. 1 comma 3)

La legge di bilancio 2018 proroga, fino al 31 dicembre 2018, la detrazione fiscale del 65% prevista per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Nello specifico la norma in esame, introducendo alcune modifiche rispetto all’agevolazione prevista fino al 31 dicembre 2017, prevede:

  • la riduzione, dal 65% al 50%, della misura della detrazione spettante per gli interventi di: acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi, di schermature solari e di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a compensazione con efficienza pari alla classe A, mentre viene esclusa la detrazione per i predetti impianti di climatizzazione con efficienza energetica di classe inferiore. Viceversa, tale agevolazione spetta, nella misura del 65%, per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione di efficienza almeno pari alla classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti o con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, o per le spese sostenute all’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione
  • l’introduzione di una agevolazione per gli interventi di acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, nella misura del 65%, fino a un valore massimo della detrazione di100.000 euro. L’agevolazione spetta per le spese sostenute dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018.Per poter beneficiare dell’agevolazione in esame gli interventi in oggetto devono condurre ad un risparmio di energia primaria (PES) pari almeno al 20%
  • l’inserimento di una nuova detrazione per le spese sostenute nell’anno 2018 per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, nella misura del 50%, fino ad un valore massimo della detrazione di 30 mila euro
  • la possibilità di cedere il credito spettante per le spese effettuate per tutti gli interventi di efficienza energetica, in precedenza limitata soltanto alle spese sostenute sulle singole unità immobiliari
  • una detrazione aggiuntiva per le spese relative agli interventi su parti comuni di edifici condominiali, ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3, finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, nella misura, dell’80% o dell’85%, qualora tali interventi consentano, rispettivamente, il passaggio ad una o due classe di rischio inferiori. La detrazione si applica su un ammontare delle spese non superiore a 136 mila euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio ed è ripartita in dieci quote annuali di pari importo
  • l’attribuzione alIa competenza dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) l’onere del controllo sulla sussistenza dei requisiti per beneficiare dell’agevolazione in materia di efficienza energetica;
    I requisiti tecnici che devono soddisfare gli interventi che beneficiano delle agevolazioni, compresi i massimali di costo specifici per singola tipologia di intervento, nonchè le procedure e le modalità di esecuzione di controlli a campione saranno definiti con successivi decreti interministeriali, da emanarsi entro il 1° marzo 2018 (sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di bilancio)

PROROGA DELLA DETRAZIONE FISCALE PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E L’ACQUISTO DI MOBILI (art. 1, comma 3)

La legge di bilancio dispone la proroga di un anno, fino al 31 dicembre 2018, della detrazione al 50% per le spese effettuate per interventi di ristrutturazione edilizia, concessa fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare.

La stessa legge prevede anche la proroga di un anno, sempre fino al 31 dicembre 2018, della detrazione al 50% per le spese relative all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ (A per i forni), connesse ai lavori di ristrutturazione edilizia iniziati a decorrere dal 1° gennaio 2017. Tale detrazione deve essere calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 10.000 euro considerato, per gli interventi effettuati nell’anno 2017 ovvero per quelli iniziati nel medesimo anno e proseguiti nel 2018, al netto delle spese sostenute nell’anno 2017 per le quali si è fruito della detrazione.

"BONUS VERDE" (art. 1, commi 12-15)

Viene introdotta una nuova agevolazione per interventi di "sistemazione a verde" e per la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili (c.d. bonus verde).

In particolare, l’agevolazione consiste in una detrazione dall’imposta Irpef del 36% delle spese sostenute, limitatamente all’anno 2018, per interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi, nonché per la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

La detrazione spetta ai contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi. Il limite massimo di spese su cui è possibile determinare la detrazione ammonta a 5.000 euro per unità immobiliare ad uso abitativo.

La detrazione spetta anche per le spese sostenute per interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali fino ad un importo massimo complessivo agevolabile di 5.000 euro per unità immobiliare. La detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, a condizione che la stessa sia effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Sono ricomprese tra le spese detraibili anche quelle di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi elencati precedentemente.

La fruizione della detrazione è subordinata alla condizione che i pagamenti siano effettuati con strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni.

La detrazione è ripartita in dieci quote annuali, di pari importo.

Per gli interventi realizzati su unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente all’esercizio dell’arte o della professione ovvero all’esercizio dell’attività commerciale, la detrazione spettante è ridotta al 50%.

In caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli interventi, la detrazione non utilizzata, in tutto o in parte, è trasferita, per i rimanenti periodi di imposta, all’acquirente persona fisica dell’unità immobiliare, salvo diverso accordo delle parti.

In caso di decesso del beneficiario il diritto alla detrazione viene trasferito in capo all’erede a condizione che conservi la detenzione materiale e diretta del bene.

 

Cordiali saluti.

G. Turconi

G.T. Service S.A.S. di G. Turconi & C. Società tra professionisti • Via Grandi, 10 - Varese • P.IVA 02795210125

Tel. 0332 284590 • Fax 0332 283370 • E-mail: info@studioturconi.com